RECENSIONE: Quando parlerò di te di Nicola Accordino

TITOLO: Quando parlerò di te
AUTORE: Nicola Accordino
EDITORE: self
PAGINE: 194

TRAMA:
Cerchi il solito male to male con scene piccanti e bellocci in prima di copertina? Questo non è il libro per te.
Qui troverai l’Amore raccontato, vissuto, sentito. Un Amore che graffia, che lascia i segni, che perdona ma non dimentica. Troverai un uomo, un padre, un figlio che soffre, che cade e si rialza. Troverai tanto su cui piangere, ridere e riflettere. Questo non è un libro per cuori pavidi o stomaci deboli. Questo è un libro per chi sa essere empatico e sopportarne il peso.
Segui Matteo in questo viaggio attraverso sé stesso e le sue debolezze, per giungere alla sua stessa conclusione: l’Amore è l’unica cosa per la quale valga la pena vivere e lottare.
Con il tuo acquisto sostieni “Stella & Aratro” nelle sue attività di promozione culturale, sociale ed umana. Maggiori info su www.stellaaratro.it e www.nicolaaccordino.it

RECENSIONE

Matteo è un uomo affranto, anzi infranto: frantumato. Il suo cuore è in mille pezzi e la sua anima vaga sperduta in una selva oscura, in un oblio di dolore e rimpianti. Forse non se ne sarebbe mai dovuto andare, forse avrebbe dovuto lottare di più, forse avrebbe dovuto insistere, rimanere a tutti i costi. Per George, per suo figlio. Invece ha scelto di errare, vagabondare, migrante in continuo esilio, straniero anche nella sua casa e per la sua famiglia…

La storia di Matteo – italiano, trasferitosi a Monaco di Baviera e dopo tante peripezie tornato in patria – colpisce per il susseguirsi di drammi che sconvolgono la sua esistenza e che spezzano la sua resistenza e la sua speranza. La sua è una storia di amore e di famiglia che, per molto tempo, non va nella direzione giusta; dietro ai molti rifiuti che subisce nella vita c’è sempre la stessa incapacità di accettare il diverso, lo stesso bisogno sociale di imporre la “normalità” a tutti: suo padre non ha mai accettato la sua omosessualità e il suo stesso compagno vive con profonda vergogna (per non dire orrore) la propria natura e il loro amore. Quello raccontato da Accordino è un mondo in cui accettarsi e farsi accettare sembra una sfida insormontabile, che richiede enorme pazienza, nonché coraggio, e che potrebbe opprimere chi si ritrova solo e senza supporto alcuno. Per fortuna del protagonista, lui solo non lo è mai stato per davvero – nonostante spesso si sia sentito tale: al suo fianco non sono mai mancati suo fratello e la sua migliore amica, Fabio e Beatrice (ora sposati), sostegni insostituibili, empatici e sempre disponibili per un consiglio. 
Devo ammettere di aver profondamente detestato il protagonista in alcuni momenti del libro, ovvero in quei tratti in cui assume un atteggiamento passivo nei confronti della vita, quando decide di lasciarsi trasportare dalla corrente senza più cercare di controllare la direzione della sua esistenza. Perché, se è vero che non possiamo esercitare controllo totale sul nostro futuro, possiamo e dobbiamo quantomeno cercare di dare sempre il meglio di noi. Dunque è stato piuttosto interessante osservare discese e risalite di Matteo nel corso della storia, nonché l’evolversi della sua relazione con Martin e George (l’uomo di cui è innamorato e suo figlio).

La figura di Cleo, la madre di George (non vi spoilero dettagli sul rapporto George-Martin-Cleo) mi è parsa quella meno verosimile del libro, non tanto per la cattiveria che dimostra in alcune situazioni, quanto piuttosto per la piattezza emotiva che spesso la caratterizza: assomiglia molto alla matrigna malvagia delle fiabe, non presenta sviluppi o sfaccettature psicologiche, e questo secondo me stona nel complesso del romanzo.

Altro elemento che non mi ha particolarmente convinta è l’uso continuo del passato remoto: sia i fatti del presente che i flashback sono narrati con lo stesso tempo verbale e questa scelta, a mio parere, appesantisce il testo, allontanando dal lettore il personaggio di Matteo. Insomma, la sua crescita e la sua maturazione paiono confinate in un tempo passato ormai superato… Mi sarebbe piaciuto poterle percepire come più vicine a me, in itinere e non già concluse.

Nell’insieme giudico Quando parlerò di te un testo ragionato, che raggiunge il suo scopo per quanto riguarda i messaggi trasmessi; forse è un po’ debole a livello emotivo: con qualche modifica formale e nei dialoghi coinvolgerebbe di più.

Cosa ne pensate? Vi ispira?

Alex


Il libro Quando parlerò di te è disponibile su Amazon. Se ti piacciono i nostri contenuti e vuoi sostenerci puoi farlo GRATUITAMENTE utilizzando per l’acquisto il link qui sotto. Per te il costo rimarrà invariato, e Amazon ci riconoscerà parte del suo ricavato.
Ti ringraziamo per il sostegno.


amore, autori emergenti, recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contatti

EMAIL

info.vcuc@gmail.com

Seguici


Licenza Creative Commons
Vuoi conoscere un casino? blog di VCUC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://www.vuoiconoscereuncasino.it/contatti/.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarci e in seguito provvederemo a rimuovere il materiale in questione.