Warning: Declaration of YOOtheme\Theme\Wordpress\MenuWalker::walk($elements, $max_depth) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /web/htdocs/www.vuoiconoscereuncasino.it/home/wp-content/themes/yootheme/vendor/yootheme/theme-wordpress/src/MenuWalker.php on line 8

RECENSIONE: Terapia di coppia per amanti di Diego De Silva

TITOLO: Terapia di coppia per amanti
AUTORE: Diego De Silva
EDITORE: Einaudi 
PAGINE: 274

TRAMA:
Due adulti sposati (non tra loro) che si ritrovano uniti da una passione incontrollabile e da un amore coriaceo, particolarmente resistente alle intemperie. Viviana è sexy, vitale e intrigante, e ha un notevole talento per i discorsi intorcinati. È combattuta fra restare amante e alleviare cosi le infelicità matrimoniali o sfasciarsi la vita per investire in un’altra. Modesto è meno chic, decisamente più sboccato e sbrigativo nella formulazione dei concetti, ma abilissimo nell’autoassoluzione. Spara battute a sproposito per svicolare, e fa pure ridere. Moderatamente vigliacco, aspirerebbe alla prosecuzione a tempo indeterminato della doppia vita piuttosto che a un secondo matrimonio, visto che già il suo non è che gli piaccia granché. È nella crucialità del dilemma che Viviana trascina Modesto dall’analista, cercando una possibilità di salvezza per il loro rapporto ormai esasperato da conflitti e lacerazioni continue. Il dottore è spiazzato nel trovarsi di fronte una coppia non ufficiale, libera da vincoli matrimoniali e familiari, che non ha nulla da perdere al di là del proprio amore. Accetterà l’incarico per questa ragione, trovandosi nel mezzo di una schermaglia drammatica e ridicola insieme, e rischiando di perdere la lucidità professionale.

RECENSIONE

Il titolo di questo romanzo, Terapia di coppia per amanti, ne descrive chiaramente il contenuto: Viviana e Modesto – entrambi sposati, ovviamente con altre persone – sono amanti ormai da alcuni anni quando tra loro iniziano a sorgere alcuni problemi relazionali, e così Viviana decide di portare il compagno illegittimo dal terapista.

L’autore, a mio parere, ha fatto un lavoro magistrale nel lasciar raccontare la storia proprio ai due protagonisti. I capitoli sono infatti narrati a POV alterni da Vivi e Mode e, attraverso i loro pensieri, al lettore servono solo poche pagine per inquadrare le loro personalità. La caratterizzazione linguistica dei due – dettaglio non da poco – è immediata, coerente e molto simpatica
Viviana incarna lo stereotipo della donna sposata e benestante: bella, non lavora, passa le giornate a fare shopping, ha un rapporto distaccato con il marito e sembra stravedere per il figlio; è un po’ troppo capricciosa, a volte insicura e ansiosa, ma sempre assolutamente affascinante. Modesto, al contrario, è l’incarnazione del “vivi e lascia vivere”: un musicista talentuoso ma abbastanza pigro, non ama porsi troppi problemi ed è felice quando ha la pancia piena.
La contrapposizione tra i due – fin dalla prima scena in cui lui attende lei in macchina – fa sorridere, quasi sghignazzare, perché due amanti più diversi non si sarebbero potuti trovare, vien quasi da pensare… E invece, poi, nel corso della storia si scopre che qualcosa in comune ce l’hanno davvero e che entrambi sono molto più complessi – semplicemente umani – di come si sono presentati all’inizio.

Parlando dei personaggi secondari, devo ammettere di aver adorato – pura estasi – la relazione tra Modesto e suo padre. Ah, piccola premessa: Modesto di cognome fa Fracasso. Ecco, insomma… si chiama Modesto Fracasso, capite? Tutta un’idea del suo vecchio, che ha fatto uno scherzone alla moglie e al figlio. Comunque, stavo dicendo: il sig. Fracasso, il padre, è un donnaiolo sbruffone che ha tradito ogni donna (e sono tante) con cui è andato a letto. Però è uno spasso, ha una filosofia (menefreghista) di vita tutta sua e non smette mai di dare consigli (menefreghisti) al suo povero ingenuo figliuolo

La seconda parte del romanzo, quella che coinvolge direttamente l’analista per intenderci, è in realtà la parte che mi ha convinta di meno: buona e originale l’idea della terapia di coppia (per amanti), meno entusiasmante il personaggio “dottore” in sé e tutte le sue paturnie amorose (spoilerone: in questa storia sembra che tutti abbiano un* amante…).

Superficialmente Terapia di coppia per amanti può apparire come un piacevole ma leggero romanzo da divorare in poche ore (ed in effetti si fa divorare in poche ore); tuttavia, dedicando un po’ più di attenzione alle pagine di Diego De Silva, si possono scorgere prospettive interessanti sulle relazioni di coppia: cosa significare davvero essere amanti? È tutta una questione di scopate? È possibile separare sesso e sentimenti in due compartimenti stagni? Quando passi tanto tempo con una persona, parli, ti racconti, ti confidi, condividi momenti ed emozioni… non è che a un certo punto smetti di scopare e inizi a fare l’amore? 
Vi invito a leggere Terapia di coppia per amanti per scoprirlo.

Conclusione in due righe? Libro assolutamente consigliato: riderete, vi emozionerete e vi innamorerete di Vivi e Mode in modo sconclusionato, caotico e appassionato – proprio come la sottoscritta.

Conoscete questo autore? Vi ispira il romanzo?

Alex


Puoi acquistare Terapia di coppia per amanti su Amazon. Se comprerai il libro dal link qui sotto, Amazon pagherà anche a noi una piccola percentuale (il prezzo per te non subirà nessuna modifica). Ti invitiamo perciò a fare i tuoi acquisti tramite questo link; così facendo aiuterai anche il nostro blog. Grazie!


amore, Einaudi, recensione

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contatti

EMAIL

info.vcuc@gmail.com

Seguici


Licenza Creative Commons
Vuoi conoscere un casino? blog di VCUC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://www.vuoiconoscereuncasino.it/contatti/.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarci e in seguito provvederemo a rimuovere il materiale in questione.