RECENSIONE: La stessa rabbia negli occhi di Manuela Chiarottino

TITOLO: La stessa rabbia negli occhi
AUTRICE: Manuela Chiarottino
EDITORE: self
PAGINE: 250

TRAMA:
Quando Luna si imbatte per la prima volta in Alex, in piedi davanti ai binari della stazione, ha subito la sensazione che loro due condividano la stessa rabbia e lo stesso livore per la vita. Certo, lei non conosce nulla del passato del nuovo arrivato in città, ma è proprio la percezione che ha di lui a spingerla ad accettare, man mano, la sua vicinanza. Fino a quel momento, il mondo di Luna è stato Raffaele, il suo migliore e unico amico, con cui condivide le sofferenze di una famiglia allo sbando e una vita scolastica infernale. Se Raf ha un padre inesistente e dei bulli che lo tiranneggiano per la sua omosessualità, Luna si sente bloccata in un dolore che non sa superare. Ma Alex è diverso, con lui Luna si sente finalmente amata, capita, addirittura bella. Pronta a dimenticare l’ombra della sorella perfetta dietro cui ha sempre vissuto. Tutto sembra volgere per il meglio, ma il destino ha ancora in serbo delle carte da giocare e una reazione a catena di eventi scoperchierà i segreti del passato. Riusciranno l’amore e l’amicizia a fare la differenza? Perché forse la perfezione non esiste per davvero: bisogna solo amarsi per quello che si è.

RECENSIONE

Luna ha quasi 18 anni e sta tenendo d’occhio un ragazzo a una stazione della metro di Torino: capelli scomposti e occhi verdi lo rendono sicuramente un soggetto interessante, ma c’è qualcosa di più, qualcosa del suo atteggiamento che impedisce a Luna di staccare lo sguardo da lui… É il modo in cui fissa tutti i treni che passano, li osserva, si avvicina al limite della banchina… però non ne prende nemmeno uno. Luna inizia a temere che si voglia buttare, così si avvicina e glielo chiede.
Facciamo in questo modo conoscenza con due dei personaggi principali de La stessa rabbia negli occhi: Luna, la protagonista, e Alex, uno studente italo-tedesco da poco trasferitosi da Bologna.

Questo libro raccoglie tutti gli elementi indispensabili di un buon Young Adult e li propone in una miscela emotivamente avvincente: abbiamo una protagonista fuori dagli schemi e un interesse amoroso che fa scoppiare il cuore, un migliore amico colorato e brioso, un dramma alle spalle, tante piccole difficoltà quotidiane da superare e riferimenti a tematiche calde dell’adolescenza contemporanea. Lo stile dell’autrice è pulito, adatto ai temi e al target del libro, giovanile e un po’ romantico.

Approfondiamo meglio le componenti vincenti del libro.

Luna si racconta a noi lettori pagina dopo pagina, permettendoci di ricostruire la sua storia, un passato nel quale si nasconde un evento drammatico che ha sconvolto la vita della protagonista e della sua famiglia, ovvero la morte di sua sorella maggiore Stella. Con lei Luna aveva un rapporto ambivalente: la adorava, perché era la sua migliore amica, un esempio da seguire, una persona gioiosa e disponibile, con un carattere d’oro; allo stesso tempo ne era un po’ gelosa, perché Stella era perfetta in tutto quello che faceva e lei, Luna, risultava sempre essere un satellite privo di luce propria. La morte della sorella è un trauma irrisolto e il suo fantasma sembra perseguitare Luna e i suoi genitori, il cui matrimonio non ha retto al tragico evento e si è dissolto nel dolore. Tutti questi avvenimenti sono per la protagonista spunti di riflessione e di dialogo interiore, sono punti di domanda che continua a porsi cercando una risposta e faticando a trovarla. Le domande sono principalmente su se stessa, sul senso della propria vita e della fatica di andare avanti, sulle relazioni con altri, sull’amore romantico, sulla giustizia, sulla falsità degli esseri umani…

Alex arriva al momento giusto e, pur portando egli stesso un macigno sulle spalle, accompagna Luna in un viaggio alla riscoperta del proprio valore.
Il gruppo di giovani protagonisti viene completato da Raffaele, il migliore amico di Luna: è omosessuale e non ha alcun timore a farlo sapere al mondo, è fiero di se stesso, sicuro della propria identità e ottimista oltre ogni limite ragionevole. Raffaele è sicuramente il riferimento positivo del libro, perché, al contrario dei due amici, ha già raggiunto una ferma consapevolezza e accettazione di sè.

Tra le tematiche focali del romanzo, oltre all’elaborazione del lutto, troviamo l’autolesionismo e il bullismo, entrambi trattati con il giusto equilibrio di sincerità e delicatezza. La penna dell’autrice descrive con spontaneità i pensieri di Luna, le sue difficoltà, la vergogna e il piacere che le sue azioni le provocano; la protagonista è consapevole di avere un problema, ma non fino in fondo, poiché i gesti le vengono naturali, li compie quasi con ingenuità, poi li nasconde, ne prova dispiacere e cerca in qualche modo di negarli, senza successo…

La stessa rabbia negli occhi è, però, un romanzo di crescita, poiché tutti i personaggi nel corso della storia maturano, si sostengono a vicenda e passo dopo passo riescono ad affrontare i propri demoni, a vedere la luce. E così Manuela Chiarottino ci ricorda anche l‘importanza dell’amicizia, di avere qualcuno con cui confidarsi, con cui aprirsi senza remore; tra le figure di riferimento per i ragazzi può esserci e spesso deve esserci anche un adulto, che non deve giudicare, bensì cercare di capire e porgere una mano quando serve: in questo caso il ruolo è svolto dalla zia di Luna, una pittrice romantica e dal cuore buono.

Luna è sicuramente un casino, e in questo un po’ mi ricorda Giorgia, la protagonista del mio VCUC: è persa in un vortice incontrollabile di emozioni e non sa come uscirne, coinvolge il lettore e lo trascina nella storia della sua vita, in un’esistenza confusa che ha perso la bussola; finché, pagina dopo pagina, Luna e il lettore riescono a uscirne insieme, da questo caos di luci e ombre, in un percorso che emoziona e stupisce.

Cosa ne pensate? Vi ispira questo libro?
Su YouTube (QUI) trovate anche la mia video-recensione… fatta a bordo piscina 😉

ALEX

Copia ebook gentilmente fornita dall'autrice.

adolescenti, amore, autori emergenti, Young Adult

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contatti

EMAIL

info.vcuc@gmail.com

Seguici


Licenza Creative Commons
Vuoi conoscere un casino? blog di VCUC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://www.vuoiconoscereuncasino.it/contatti/.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarci e in seguito provvederemo a rimuovere il materiale in questione.