RECENSIONE FILM: L’altra metà (Netflix)

L’amore è il nome che diamo al desiderio di essere uno, così Platone ci accoglie all’inizio di questo film, che è un fermo immagine dell’amore che poi evolve e inizia a muoversi, raccontando senza ghingheri l’essenza del sentimento più misterioso del mondo e le difficoltà dell’anima.

Ellie Chu, figli di immigrati cinesi, è intrappolata in una piccola cittadina americana, una cittadina anonima, conservatrice, senza colori né sapori né odori nuovi, una cittadina statica, che cerca e pretende che tutto rimanga così com’è sempre stato. Ellie in questo quadro è il diverso, l’altro che si accetta solo finché rimane invisibile… e lei si impegna per esserlo, quasi inesistente: legge, studia, è piena di talento ma non lo fa vedere a nessuno, si occupa del padre e vende i compiti ai compagni per fare qualche soldo in più. Finché un giorno Paul, un giocatore di football gentile ma impacciato, non le chiede di aiutarlo a scrivere una lettera d’amore per Aster, una bellissima ragazza che sembra felice ma non lo è, perché vittima di un destino che sa di non potersi scegliere. Ellie conosce Aster: non ci ha quasi mai parlato, però l’ha osservata, se ne è innamorata, sa che dentro di lei c’è qualcosa di particolare… e allora accetta. Accetta perché sa che non potrà mai dichiararsi nella cristianissima Squahamish e vuole, forse inconsciamente, avere comunque un’occasione di svelare ciò che prova.
Una lettera può rivelare tutto di noi, pur celando la nostra identità. La protagonista di questa storia ha il cuore e la penna di una scrittrice, si racconta con le parole a una profondità straziante, riesce a cogliere le sottigliezze e a dare a ogni dettaglio un’incredibile dignità. La lettera doveva essere una, poi diventano tante. Il rapporto con Aster si approfondisce parola dopo parola; Paul diventa amico di Ellie e lei non vuole perderlo. I suoi sentimenti si fanno intricati. E noi rimaniamo incantati dalla semplicità della storia, che si sviluppa davanti ai nostri occhi con spontaneità, senza fronzoli; The half of it è un film quasi scarno eppure ricchissimo. Il ritmo è lento, qualcuno si potrebbe annoiare davanti allo schermo; tuttavia, a mio parere, la lentezza è più che giustificata: il film rallenta per farci ammirare un animo in cerca della sua metà. Che poi, alla fine, solo noi stessi possiamo davvero completarci.


Fatemi sapere cosa ne pensate,

ALEX

amore, Netflix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contatti

EMAIL

info.vcuc@gmail.com

Seguici


Licenza Creative Commons
Vuoi conoscere un casino? blog di VCUC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://www.vuoiconoscereuncasino.it/contatti/.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarci e in seguito provvederemo a rimuovere il materiale in questione.