RECENSIONE: Ti regalo le stelle di Jojo Moyes

TITOLO: Ti regalo le stelle
AUTRICE: Jojo Moyes
PAGINE: 483
EDITORE: Mondadori
TRAMA:
1937. Quando Alice Wright decide impulsivamente di sposare il giovane americano Bennett Van Cleve, lasciandosi alle spalle la sua famiglia e una vita opprimente in Inghilterra, è convinta di iniziare una nuova esistenza piena di promesse e avventure nel lontano Kentucky.
Presto però le sue rosee aspettative e i suoi sogni di ragazza si scontrano con una realtà molto diversa. Costretta a vivere sotto lo stesso tetto con un suocero invadente, il dispotico proprietario della miniera di carbone locale, Alice non riesce a instaurare un vero rapporto con il marito e le sue giornate diventano sempre più tristi e vuote. Così, quando scopre che in città si sta costituendo un piccolo gruppo di donne volontarie il cui compito è diffondere la lettura tra le persone disagiate che abitano nelle valli più lontane, lei decide con entusiasmo di farne parte.
La leader di questa biblioteca ambulante a cavallo è Margery O’Hare, una donna volitiva, libera da pregiudizi, figlia di un noto fuorilegge, una donna autonoma e fiera che non ha mai chiesto niente a nessuno, tantomeno all’uomo che ama.
Alice trova in lei una formidabile alleata, un’amica su cui può davvero contare, specie quando il suo matrimonio con Bennett inizia inevitabilmente a sgretolarsi. Altre donne si uniranno a loro e diventeranno note in tutta la contea come le bibliotecarie della WPA Packhorse Library.
Leali e coraggiose, cavalcheranno libere sotto grandi cieli aperti e attraverso foreste selvagge, affrontando pericoli di ogni genere e la disapprovazione dei loro concittadini per portare i libri a persone che non ne hanno mai visto uno, allargando i loro orizzonti e cambiando la loro vita per sempre. Ispirato a una storia vera, Ti regalo le stelle è una dichiarazione d’amore per la lettura e i libri.

RECENSIONE

Alice non si è mai sentita a suo agio a casa sua, in Inghilterra, con la sua famiglia, il rigido mondo che la circonda, le regole… Alice è una ragazza che sogna, una ragazza con un’anima un po’ ribelle, sa di avere qualcosa di diverso ma nemmeno lei riesce a definire con chiarezza la natura di questo “qualcosa”.
Bennett Van Cleve, americano e ricco, sembra la soluzione perfetta per allontanarsi dal suo piccolo universo. Peccato che Alice abbia eccessivamente idealizzato il luogo di origine del marito: Baileyville, Kentucky. E così la protagonista si ritrova catapultata in un paesino sperduto, con abitanti bigotti e pettegoli. Bennett, anche a causa della continua e assillante presenza del padre nelle loro vite, non riesce in alcun modo a gestire affettuosamente la loro relazione.

A salvare la situazione arriva Eleonor Roosevelt, personaggio che non compare mai fisicamente nel libro, ma che riveste in realtà un ruolo fondamentale: è lei, infatti, a incoraggiare la formazione di “biblioteche itineranti” per diffondere cultura anche nelle zone più sperdute del paese.
Alice si unisce al progetto e in compagnia di un piccolo gruppo di altre donne coraggiose inizia questa avventura. Coraggiose? Sì, esatto, coraggiose, perché ci vuole audacia per sfidare i pregiudizi, per mettersi in gioco, per superare gli ostacoli e per credere in qualcosa in cui nessun altro crede. La cittadina non accoglie di buon grado la proposta e la WPA Packhorse Library non ha vita facile.

Sono grata all’autrice per avermi fatto scoprire questa iniziativa (trovate QUI più info) e per essere riuscita a farmi immergere in un mondo così diverso dal mio: tra le pagine il Kentucky degli anni ’30 si sente, eccome se si sente, con tutti i suoi pregi e difetti: montagne, fiumi, miniere e una natura sconfinata, però anche fervente religiosità, razzismo, una società patriarcale e maschilista sono gli elementi che fanno da sfondo alle vicende raccontate in Ti regalo le stelle

Altri grandi protagonisti, silenziosi ma vitali, sono i libri, di tutti i generi e su tutti i temi. Jojo Moyes in quest’opera sottolinea, con delicatezza e con forza al contempo, come la lettura possa essere la chiave per lo sviluppo personale e collettivo: solo un popolo che sa può davvero fare (ed essere).

Co-protagonista fisica della storia è Margery O’Hare, il simbolo vivente della trasgressività per l’epoca, una donna libera e indipendente, vitale, appassionata e appassionante. Una donna da amare alla follia, che però molti odiano. Un’amica preziosa per Alice e un esempio per tutte le donne.
Ho apprezzato particolarmente il suo rapporto con Sven, l’ho trovato progressista e azzeccato per il personaggio.

Tra le tematiche principali di questo libro troviamo la diseguaglianza tra i generi, resa evidente dagli atteggiamenti di buona parte dei personaggi maschili e della cittadina in generale nei confronti di quelle che donne che “vogliono farsi sentire”. Il romanzo propone le scene più disparate: donne costrette a stare in casa e accudire i figli, donne private della possibilità di parlare, di decidere per se stesse, di studiare, donne ignorate, zittite, donne picchiate. Normale, no? In fondo siamo nel 1937 e questo era un atteggiamento comune all’epoca. Sapete invece cos’ho trovato di strabiliante? Che alcuni comportamenti e certe aspettative nei confronti delle donne sono rimasti immutati fino a oggi. Ti regalo le stelle non ci parla quindi solo di un periodo lontano, bensì risulta anche assolutamente contemporaneo.  Vi invito a fermarvi ogni volta che durante la lettura troverete una scena simile e a porvi delle domande sulla nostra quotidianità.

In conclusione? Una storia piacevole, che prende una piega inaspettata e che si fa divorare. Un testo profondo, che invita a riflettere e che emoziona.

Conoscete l’autrice? Vi ispira questo libro?

ALEX


Ringraziamo la Mondadori per la copia digitale fornitaci. 


 

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contatti

EMAIL

info.vcuc@gmail.com

Seguici

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»